Le comunità locali recuperano i frutti antichi: mela Rosa e pera Angelica

Si rinnova la collaborazione tra Univpm e Tipicità. Sabato 3 marzo, alle 11.00, è previsto un incontro su Le comunità locali recuperano i frutti antichi: mela Rosa e pera Angelica”. Parteciperanno i docenti Davide Neri e Giorgio Murri che racconteranno il loro percorso nella biodiversità frutticola accompagnati dagli agricoltori e dai rappresentanti delle comunità locali che testimonieranno il successo di due casi studio. Più lunga e articolata è la storia della mela Rosa, già descritta come mela del piceno in epoca romana e diffusa nelle zone montane interne in particolare nei Sibillini. Più recente e dinamica è la storia della pera Angelica probabilmente introdotta nel pesarese nel 1700 e in grande espansione all’inizio del novecento soprattutto nel comune di Serrungarina.  Ci saranno i responsabili delle comunità locali e i coltivatori della Mela Rosa e della pera Angelica. Interverranno anche Ambra Micheletti, ASSAM – Agenzia per i Servizi nel Settore Agroalimentare della regione Marche e la docente Gianna Ferretti della Facoltà di Medicina Università Politecnica delle Marche.

Advertisements

Cereali antichi: dalla conservazione della biodiversità alla valorizzazione delle filiere locali

In occasione dei seminari divulgativi rivolti agli studenti degli iStituti Alberghieri che parteciperanno al concorso “LA BIODIVERSITÀ IN CUCINA. Impastiamo con le farine… diverse“, la Dr. Oriana Porfiri, agronoma esperta di cereali e miglioramento genetico, ha svolto  una interessante lezione sul tema: “Cereali antichi: dalla conservazione della biodiversità alla valorizzazione delle filiere locali. Buona lettura!

Accademia delle Scienze della Biodiversità Mediterranea (ASBM)

logo-asbm-jpg-870x870

Al seguente link è accessibile il sito web dell’ Accademia delle Scienze della Biodiversità Mediterranea ASBM. Questo nuovo strumento rappresenta uno spazio virtuale, a disposizione di tutti i soci dell’accademia, in cui far convergere utili informazioni, come ad esempio news, contributi, avvisi di eventi. L’obiettivo è quello di contribuire alla crescita e alla valorizzazione dell’ASBM “dove il culto delle idee diviene cultura delle conoscenze”. Si può partecipare attivamente con proposte e suggerimenti.

LA BIODIVERSITÀ IN CUCINA. Impastiamo con le farine… diverse

Nei giorni 27 Novembre e 28 Novembre 2017, presso l’Aula Azzurra dell’Università Politecnica delle Marche, sono stati organizzati due incontri destinati ai ragazzi degli Istituti Professionali Servizi per l’Enogastronomia e l’Ospitalità Alberghiera delle Marche che hanno aderito al concorso “La biodiversità in cucina – impastiamo con le farine ..diverse” che prevede la rielaborazione di una ricetta tradizionale grazie all’utilizzo di farine ottenute da cereali e legumi iscritti al Repertorio regionale, in chiave innovativa calata nei nuovi stili di consumo.
I seminari hanno avuto l’obiettivo di diffondere nei ragazzi la conoscenza dei prodotti della biodiversità agraria marchigiana, pertanto verranno approfonditi gli aspetti nutrizionali/salutistici, storico-culturali e il loro legame col territorio.

L’organizzazione dell’evento si colloca nell’ambito della collaborazione scientifica pluriennale tra i Dipartimenti DiSVA, DiSCO e l’ASSAM finalizzata alla valorizzazione nutrizionale di prodotti della Biodiversità Agraria della Regione Marche.

Buon lavoro ragazzi!

biodiversita_ban

 

Biodiversità in cucina,le vellutate a base di legumi del Repertorio della Regione Marche

Cercate idee per delle ricette in cui impiegare alcuni dei legumi inseriti nel Repertorio della Biodiversità Agraria? Ecco le nostro proposte in occasione del Bando per ricette che fossero adatte a pazienti affetti da disfagia. Abbiamo preparato una CREMA DI FAGIOLI CENERINO E RAPA ROSSA CREMA DI ZUCCA E CECI QUERCIA e CREMA DI FAVE  E FINOCCHIETTO. Le trovate pubblicate sul blog Triglia di bosco. 

trigliadibosco-disfagia

Il finocchio dei marinai

Il finocchio marino è un ortaggio? Leggendo dei suoi usi in cucina possiamo rispondere di sì. Se volete saperne di piu’ vi invito alla lettura del contributo dal titolo “Il finocchio dei marinai”, estratto dal libro “PRESI IN ORTAGGIO. OTTO PRODOTTI STRAORDINARI DELLA BIODIVERSITÁ PUGLIESE”, recentemente pubblicato da Massimiliano Renna e Pietro Santamaria, entrambi soci della ACCADEMIA delle SCIENZE della BIODIVERSITA’ MEDITERRANEA. 

Buona lettura!

Fonte

Valorizzazione nutrizionale dei prodotti della Biodiversità Agraria delle Marche

 

Biodiversità agraria delle MArcheIn anteprima ecco la copertina dell’opuscolo “Valorizzazione nutrizionale di prodotti derivati da cereali e legumi del Repertorio Regionale”. Il nostro lavoro verrà presentato a Serrapetrona  in occasione della Festa della Biodiversità Agraria. Vi aspettiamo!